domenica 15 ottobre 2017

Chi non muore si rivede+speed reviews!

Non c'è niente di più bello che finire la sessione e dedicarsi ad altro, almeno per un pochino!
Mi ripropongo di essere più attiva sul blog, università permettendo, almeno in questo periodo :p
Ma comunque non mi lamento ;) specie se al sacrificio corrispondono anche risultati concreti ^_^
Anyway...

 Primo libro di oggi è Il Peso dei Segreti di Aki Shimazaki.

Stilisticamente molto interessante,  con i suoi molteplici "point of view" e con le sue frasi brevi e incisive, essenziali, questa storia può anche contare su temi forti, su tutti quello della Seconda Guerra Mondiale.                                                                                                                                                                                             La  Shimazaki sceglie di narrare, in particolare, un aspetto molto meno noto, forse da noi europei (da me sicuramente) ignorato, di questa grande tragedia del Novecento: la discriminazione dei Coreani da parte del governo giapponese.                                                                                                                                                        ( è ironico che qualche tempo fa io abbia letto "L'amante giapponese", che invece narrava della discriminazione degli americani verso il popolo del Sol Levante)                                                                                                                                               Tornando al libro, su questo sfondo si dipanano le vicende dei personaggi, i loro pensieri, i loro segreti.
Tutti abbiamo segreti, che più pesanti e chi decisamente meno, alcuni innocui, altri pericolosi.

Dopo quest'opera, ciò che mi sento di dire è che, a volte, bisogna correre il rischio di esporsi e manifestarsi per ciò che si è realmente.
Non solo il segreto perde il suo potere su di noi, ma ci dà anche modo di vivere ad un livello più profondo i nostri legami con gli altri.

Peccato che, nella storia, questo non accada.
Una lettura che invita alla riflessione. 
Consigliato :P

Ho letto anche L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio di Murakami.                                                              Ho preso l'edizione inglese, semplicemente per la cover più figa e decisamente più in linea con la storia.E poi anche perché mi piace tanto leggere in inglese ahahahhah                                                                                                                                                             L'opera tratta è una storia di crescita e formazione, bella e secondo me ben raccontata.                                                                                                                                                                        Tendo a predilire questo tipo di libri, è vero, ma mi sento di consigliarne la lettura anche oggettivamente.

Il romanzo è conciso, incisivo ed emoziona. Conoscere Tsukuru, i suoi amici, mettersi in viaggio con lui e trovare anche punti di contatto con la sua esperienza, mi è piaciuto molto.

Murakami poi, ti prende per mano ma non ti offre tutte le risposte, come al suo solito, e questo è un elemento che apprezzo sempre tanto.


 Passando ai manga, sto cercando di:
a) rimettermi in pari con le poche serie che seguo
b) non cominciarne altre nuove senza finirne almeno una tra quelle in corso
c) prendere solo ciò che realmente voglio
d) recuperare serie concluse che desidero da tempo
e) mantenere i primi 4 buoni propositi

Ci riuscirò?

Intanto mi sono quasi rimessa in pari con Bugie d'Aprile :P                                                            Sono al 5! (sì, so che in questi giorni esce l'8, non ricordatemelo :'( )                                                                                                         Coooomunque... con gli ultimi numeri ho trovato numerose scene non adattate nell'anime e ne sono stata felicissima!                                                                                                                  Più lo leggo, più mi convinco dell'acquisto!                                                                                           La versione cartacea vince sull'altra a mani bassissime.

I personaggi appaiono fin dall'inizio a tutto tondo, c'è più attenzione alla loro psicologia, ai loro sentimenti, tempi e atmosfere sono giusti e ben bilanciati in ogni situazione.
La loro crescita è più evidente e quindi molto più toccante.

Also... Watari ha un ruolo più rilevante, più scene importanti e ben integrate e questo non può che farmi contenta!

Quindi sì, numero dopo numero sono sempre più coinvolta, come se seguissi la storia per la prima volta!

Ho recuperato gli ultimi 3 volumi unici dell'Ashihara che mi mancavano e cioè:
-Yubikiri
- SOS
- La forma delle nuvole

Mi sono piaciuti anche se non li definirei assolutamente "fondamentali".
Tuttavia tutti e 3  fanno intuire, nonostante siano le sue prime opere, il talento dell'autrice.
E qui devo fare coming out: mi piace tanto Hinako Ashihara!

Dopo aver letto La Luna e il Lago e, soprattutto, La Clessidra, quest'autrice mi ha definitivamente conquistata. E dire che l'ho snobbata di morte per anni ;_; la stessa storia della Yazawa, praticamente.

Ha uno stile così malinconico, così intimista, a tratti divertente, a tratti un filino morboso che si confà  tanto bene al mio carattere ahahahah                                                                                                                                                                                  E poi non è mai banale. Mai. Anche quando ricorre a cliché e topos vari ed eventuali lo fa sempre in maniera molto personale e il risultato si vede.                                                                                                                                                                          Anche Bread and Butter, il josei che sta realizzando adesso, mi è parso assolutamente degno di nota i.i (pubblicateloooh in italianooohhh)                                                                                                                                                                                      Un giorno farò un post come si deve su di lei. Diciamo dopo aver recuperato Piece i.i                                                                                                                                                                   Lo so, lo sconsigliano dovunque :"è morboso", "pesante" e bla bla bla.
Ma d'altronde sentivo criticare anche Nana a destra e a manca e invece ho finito per amarlo.


Ultimo, ma di certo non per importanza, What a Wonderful World di Inio Asano.
Due volumi che ho amato talmente tanto da essermeli portati appresso anche nella città in cui studio, solo per tenerli sempre in vista.
C'è talmente tanta bellezza e poesia nei brevi capitoli di quest'opera, sia graficamente che narrativamente... 
Soprattutto poi nelle storie con protagoniste femminili.
Secondo me Asano dà il suo meglio proprio in quelle.
La maggior parte dei suoi personaggi maschili, invece, mi creano sempre diffidenza, anche se  non saprei dire il motivo e l'effetto finale in genere, per me, è meno d'impatto.

PS ho letto per vie traverse il primo volume di Buonanotte PunPun.
Ogni volta che entro in fumetteria e me lo trovo davanti sono sempre così indecisa se prenderlo o meno... Ho paura sia "troppo", anche per una amante delle storie malinconiche come me.
Ho timore che sia troppo inquietante e violento, di  quella violenza sottile ed esclusivamente psicologica.
Le opere di Asano che ho letto finora (Solanin, Città della Luce, WAWW) le ho trovate in qualche modo luminose e calde, nonostante i non pochi dettagli sulle cose meno piacevoli della quotidianità e le non poche critiche alla società attuale, a come gira il mondo, per non parlare delle riflessioni sul malinconico andante su sogni e vita.

In definitiva? Quello che posso dire è che per me è, più che troppo come opera, troppo presto per leggerla. Aspetterò la "chiamata" in un prossimo futuro :P

Ma quanto è tenera? 


Per oggi è todosss

PS ho visto per la terza volta Perfetti Sconosciuti (#disagio). Niente, amo troppo quel film e non so nemmeno spiegare il perché.

domenica 10 settembre 2017

Recap di agosto parte 2


Quanto vorrei che le giornate durassero 36 ore!
Soprattutto adesso. Adoro settembre, è il mese in cui tutto ricomincia, il lunedì dell'anno (già, amo i lunedì **schiva i pomodori**), ma proprio per questo, non ho mai tutto il tempo che vorrei per fare tutto quello che vorrei.
Anyway, ad agosto ho letto diverse cosette interessanti.
Non tutte quelle che avrei voluto, alcune neppure le ho finite (The Secret History/Dio di illusioni so che mi stai guardando dalla scrivania ahahahah), ma non fa niente ahahahah

Nell'attesa che l'università torni a prendersi la mia vita, ecco qualche mini-recensione!

FUGURUMA MEMORIES
Bello, bellissimo.
L'ho adorato dalla prima all'ultima pagina.
Un gioiellino, graficamente e anche narrativamente.

Particolare anche. Del resto non capita tutti i giorni di incontrare una macchina fotografica a forma di bambola in grado di catturare i ricordi degli oggetti, no?





MILK & HONEY
Libro di poesie, letto in lingua per meglio apprezzare la forza delle parole. Trovo fondamentale, se leggo poesie, non trovare il filtro della traduzione. E' più forte di me, se conosco l'originale, prediligo quello.

Tornando al libro... mi ha  veramente colpito e ridotto ad uno straccio, emotivamente parlando.

Per questa ragione non ve lo consiglio.

Probabilmente ne avrete già sentito parlare ovunque con toni entusiastici, in voi si saranno create aspettative in questo momento.

Sono convintissima che se lo prendeste in mano adesso, non lo apprezzereste, vi limitereste a trovarlo carino o anche bello, ma provando una puntina di delusione.

Quindi no, non ve lo raccomando i.i



ONE POUND GOSPEL
OPG è  il primo  (strano) seinen di Rumiko Takahashi che leggo per intero e che mi conferma quanto già dedotto con Lamù:  la Taka è un'autrice nelle mie corde :D

OPG una storia per certi aspetti surreale (andiamo, un pugile mangione, perennemente a dieta... con una SUORA? X'D) ma talmente divertente, dolce e ben narrata da avermi conquistata subito.

I personaggi sono tutti simpaticissimi, le gag fresche e vivaci, i capitoli piacevoli e scorrevoli.

Quello che più ho appreezzato, però sono stati i vari, sporadici, momenti romantici. Li ho trovati di una tenerezza disarmante! **

Non succede nulla di mirabolante, eh. E il punto è proprio quello: quando si sa scrivere, non occorre narrare inserire chissà che intrighi e intrallazzi per produrre qualcosa di significativo (Shonda Rhimes, I'm looking at you). Quindi brava Taka *-*


7 MINUTI DOPO LA MEZZANOTTE

(sarebbe una lettura di settembre ma pls  chiudete un occhio)

7 minuti dopo la mezzanotte è una storia su come si affronta il dolore.

E nulla, se potete, se volete, leggetelo.
E magari sbattetelo in faccia a chi ha pregiudizi sui libri per bambini.
Così, giusto per ribadire, se ce ne fosse bisogno, quanto possano essere inutili preconcetti e affini.

E' una storia che mi ha davvero toccato.
Per affrontare il dolore bisogna accettare la verità.
Ma per accettare la verità bisogna anzitutto avere il coraggio di dirla apertamente, di non negarsela.

Penso che la vita vada affrontata in ogni situazione "a carte scoperte".
Leggetelo. Non mi importa, stavolta, di crearvi aspettative, non mi spaventa consigliarvelo.

PS ringrazio Mariaste e il suo blog meraviglioso *-* non avrei mai scoperto questa perla senza la sua recensione!

PS2: le illustrazioni di Jim Kay sono bellissime!

PS3 adesso voglio leggere i libri della purtroppo scomparsa Siobhan Dowd. L'idea originale del romanzo è la sua.

PS4 voglio leggere anche gli altri libri di Patrick Ness ahahahah




sabato 9 settembre 2017

Semirecap di agosto

Ecco qui il resto della roba vista ad agosto :P
Ebbene sì, oltre alla mega maratona Grey's Anatomy sono perfino riuscita a fare altro!
Paranoia Agent
Sono a metà. Riuscirò a finirla ahahahahah
Mi piace molto, come qualsiasi cosa partorita da Satoshi Kon.
E' interessante e piena di spunti di riflessione.
Ve la consiglio se amate le serie introspettive e dalle trame un po' contorte e un filo inquietanti.
I misteri abbondano e non vedo l'ora di conoscerne le soluzioni ^_^
Mi riprometto, ma non sperateci troppo, di riparlarvene ;)






Your Name
Dopo mesi e mesi di ricerca di un link streaming decente, dopo un appuntamento saltato al cinema (ehm... avevo confuso i giorni ahhahaahahah), finalmente ho visto questo film che, non si sa perché, ha creato un entusiasmo dilagante anche tra chi non è appassionato di Giappone e animazione.

Dopo averlo visionato posso dire che le mie perplessità e dubbi rimangono.
Non mi fraintendete, è un bel lungometraggio, con la giusta dose di romance, misteri  e poesia, senza contare i bellissimi fondali.
Ma l'animazione giapponese pullula di ottimi prodotti, che però non riescono a farsi apprezzare più di tanto e rimangono di nicchia.
Che cos'ha Your Name, da questo punto di vista, più degli altri? Boh!

Sì, è bello, i due protagonisti sono molto simpatici e credibili negli atteggiamenti e reazioni, la storia d'amore è dolce e coinvolgente. C'è perfino una manciata folklore.
E, ripeto, mi è piaciuto.
Solo non mi spiego quale dei suoi elementi ne abbia consentito tutto il suo successo.

Anyway, spero non si tratti di un caso isolato ma del primo passo per una maggior diffusione e "nobilitazione" dell'animazione, similmente a quanto accaduto per le serie tv

lunedì 4 settembre 2017

A volte ritornano: il punto su Grey's Anatomy

ATTENZIONE: post a elevato contenuto fangirlistico. Siete avvisati.

Agosto è stato un mese ricco sia dal punto di vista delle letture che delle serie tv e anime.

Ma soprattutto, è stato il mese in cui mi sono rimessa in pari con Grey's Anatomy.

Ho visionato ben 6 stagioni in 31 giorni!
Sono alla 13esima adesso, quindi, se tutto va bene, riuscirò a seguire i nuovi episodi in contemporanea con tutto il resto del mondo *-*
Ah, sono felice!
Sono arrivata a questo punto senza tagliarmi le vene nè annoiarmi troppo, nè desiderare di commettere più omicidi del dovuto!
Ma andiamo con ordine e scendiamo nei dettagli.
Giunta a questo punto, mi sento di poter fare diverse considerazioni:

a) gli episodi meglio riusciti, secondo me, sono quelli più semplici e quotidiani o quelli che affrontano temi di attualità.
Li trovo sempre ben condotti, diretti e narrati con acume e sensibilità, più equilibrati e interessanti, a riprova che non è necessario infilare 100000 intrallazzi o catastrofi per mantenere viva l'attenzione degli spettatori

b) odio tutte le coppie. TUTTE. Non ci posso fare niente e vale anche per la tanto decantata Meredith/Derek.
 Derek mi sta un po' antipatico e trovo che Meredith stia meglio da sola, quando ha tutti i riflettori puntati solo su di sè. 

Fanno eccezione solo i Japril.

Non so, mi hanno colpito fin dall'inizio, in tempi non sospetti. Mi emozionano e mi appassionano, sono adorabili, sia singolarmente, sia nelle loro dinamiche.






Spero che Shonda regali loro un po' di felicità e che questo triangolo in arrivo con Maggie porti al loro definitivo riavvicinamento.

Per adesso stanno giocando a fingere di non volersi, di non amarsi.
April è maturata moltissimo senza Jackson, lui prova ancora molta rabbia nei suoi confronti e sembra, a volte, che abbia perso l'ammirazione che nutriva per lei. Di strada da fare ne hanno parecchia...
Ma la speranza è l'ultima a morire: gli episodi Japril The Movie e Japril The Sequel, i momenti carini che continuano a condividere di tanto in tanto, mi portano a credere, (o meglio, a voler credere) che tutto si risolverà per il meglio.

Ah, anche Owen e Amelia sono carini. Potrebbero crescere molto se lei affrontasse tutti i suoi problemi e lo lasciasse avvicinare.

c) se in scena ci sono personaggi che apprezzo o storyline interessanti, divoro puntate su puntate senza sosta (ehilà sessione autunnale!) . In caso contrario, la mia attenzione vola verso altri lidi e inizio a fare altre 100 cose mentre visiono l'episodio.
Ecco l'elenco di chi mi sta pesantemente sulle gonadi:
- gli specializzandi: tutti odiosi, irritanti, insignificanti. Forse è per questo che la tredicesima stagione è così piatta e noiosa, visto quanto spazio rubano.
 
- Callie: lo so, la amano tutti, ma non sono mai riuscita ad apprezzarla completamente. Nella stagione 12, a questo, si somma il trattamento abominevole che riserva ad Arizona e lo scassamento di gonadi per la sua scialbissima, noiosissima love story con Penny

- Derek: in alcuni momenti l'ho apprezzato parecchio, in altri gli avrei volentieri tirato in testa un bisturi. La sua morte è devastante e commovente,  ma ha portato ad avere Nathan Riggs nel cast, che sinceramente adoro (**schiva i pomodori**)

- O'Malley: odioso, una mina vagante emotivamente parlando, sempre a ferire nel profondo le persone a lui più vicine e a non accorgersi del dolore altrui.

- Lexie: con lei alterno momenti di apprezzamento ad altri di insofferenza.  Non ne sento la mancanza. Non aiuta che la sua uscita di scena , il famoso incidente aereo,sia stata ai limiti dell'assurdo


Le mie speranze per la prossima stagione?
Mi auguro non venga dedicato più tempo del dovuto a specializzandi o a personaggi scialbi.
E per carità, niente archi senza senso, vi prego.
Mi riferisco a cose del tipo:
- Penny
- la faida in ospedale della tredicesima stagione
- aerei che cadono
- acquisti di ospedale (stagione 9 ciao!)
- uscite di scena fatte ad minchiam e con personaggi completamente OOC per contrasti tra attori e produttori (sì, mi riferisco a Izzie). Non è corretto nei confronti di nessuno.

Spero poi in un approccio più positivo del cast alle varie traggggedie made in Shonda e in meno sfighe un po' per tutti.
E soprattutto vorrei  personaggi più sinceri con se stessi.
Non conta che facciano esattamente ciò che vogliono ma che almeno sappiano cos'è che realmente desiderano, indipendentemente dal fatto che poi decidano o meno di lottare per averlo.


- la crescita di Meredith stagione dopo stagione. 

Apprezzo moltissimo il percorso che questa donna compie episodio dopo episodio, come continui ad andare avanti, il caos che ha dentro da sempre, il suo rapporto con la madre e con se stessa.

La adoro, adoro il suo carattere da gatto diffidente (un po' come il mio del resto) e anche la sua profonda umanità.

 Meredith non è perfetta, sbaglia, prova anche sentimenti non positivi (vedi l'invidia verso Cristina), dubbi e non sempre sa cosa è giusto fare.

Spero trovi più felicità nei prossimi episodi, che mantenga i rapporti con Alex e Nathan ( <3), che approfondisca quello con le sue nuove due sorelle. E che pensi più a se stessa.


- il percorso di Cristina e l'addio tra lei e Meredith. Altro che Derek ahahahahah

- Maggie

- Amelia: la trovo semplicemente adorabile nella sua fragilità, che poi, in fin dei conti, è anche la sua forza, come persona e come neurochirurga. Il complesso di inferiorità verso il fratello, il dolore che la opprime per tutto ciò che ha perso e che ha paura di perdere, il modo in cui continua a fuggire per non sentire più questo dolore... Mi piace molto! Anche per lei spero in un mare di felicità. E credo che Owen possa aiutarla moltissimo in questo.

- Jackson e April, come personaggi singoli e come coppia.
Mi è piaciuto come April sia diventata più forte da sola dopo la perdita del primo figlio, la risolutezza e la maturità che ha guadagnato. In più credo che il suo voice-over nella dodicesima stagoine sia uno dei più belli della serie 

"Parliamo del meccanismo della ferita. Di come tutto è cominciato. Ma la verità è che si tratta di una sorta di mito, non si può ridurre una ferita a un singolo colpo. 

Ciò che ci ferisce è cumulativo, succede col tempo. Assorbiamo colpo dopo colpo, shock dopo shock, dolore dopo dolore. Ma perfino allora, perfino se sappiamo come ci si siamo arrivati non è detto che possiamo aggiustare le cose. 

Non si può curare ogni ferita ed è giusto così. Devo credere che sia giusto così. Devo credere che anche se sembra che una cosa non si possa più aggiustare... non vuol dire che sia rotta. "


Jackson? Anche lui ha fatto un bel percorso. Ci vuole un coraggio non indifferente per prendersi quello che si vuole o anche solo per crescere con Catherine Avery come madre.
Mi è tanto piaciuto anche il rapporto che aveva con Mark e come abbia deciso di lasciar andare via ciò che lo faceva star male per concentrarsi sulla carriera.
Solo che da un po' è in stallo come personaggio: la morte di Samuel è stata per lui un  colpo durissimo ma, a differenza di April, non solo non è andato avanti, ma è rimasto immobile. Ha iniziato anche a provare molta rabbia verso di lei e questo mi dispiace molto.
Ha tante cose irrisolte Jackson (vedi il rapporto col padre e con la stessa April)  e spero che nella prossima stagione ottenga più spazio.

-  il processo tra Callie e Arizona. E' stato il culmine della maturazione di Arizona e della discesa della sua ex e in più mi ha fatto venire una voglia assurda di iniziare How to get away with murder/Le regole del delitto perfetto.

- puntate sparse, da quella del cuore in scatola a quella dell'adolescente detenuta.

- l'ottava stagione fino a quel maledetto incidente aereo.

SCENE AD ALTO TASSO DI FANGIRLISMO
- He's not the sun. You are.

- la dichiarazione di Lexie

- Jackson che interrompe il matrimonio di April

- Jackson e April che copulano

- Nathan. Cosa non è quest'uomo *-*

- i primi momenti Omelia

domenica 3 settembre 2017

30 giorni di libri: la tua citazione preferita

La mia citazione preferita è tratta da Momo, di Michael Ende ed è questa:

"Vedi, Momo, è così: certe volte si ha davanti una strada lunghissima. Si crede che è troppo lunga, che mai si potrà finire, uno pensa."Guardò un po' in avanti davanti a sé e poi proseguì: "E allora si comincia a fare in fretta. E ogni volta che alzi gli occhi vedi che la strada non è diventata di meno. E ti sforzi ancora di più e ti viene la paura e alla fine resti senza fiato... e non ce la fai più.... e la strada sta sempre là davanti. Non è così che si deve fare." Pensò ancora un poso e poi seguitò: "Non si può mai pensare alla strada tutta in una volta, tutta intera capisci? Si deve soltanto pensare al prossimo passo, al prossimo respiro, al prossimo colpo di scopa. Sempre soltanto al gesto che viene dopo. Allora c'è soddisfazione; questo è importante perché allora si fa bene il lavoro. Così deve essere. E di colpo uno si accorge che, passo dopo passo, ha fatto tutta la strada. Non si sa come.... e non si è senza respiro. Questo è importante."


lunedì 14 agosto 2017

Foto acquisti agosto

Che bello poter pubblicare questo post!
Mi sono fatta un piccolo regalo con la borsa di studio universitaria **
In foto potete ammirare quasi tutti i miei acquisti librosi e fumettosi!

1Q84 libro  3: ultima parte di 1q84, non vedo l'ora di leggerlo! Aspetto di avere un po' più di tempo libero per farlo: i libri di Murakami, infatti, a differenza di altri, richiedono la mia incondizionata attenzione.
 Per questo stesso motivo non sono riuscita a finire Kafka sulla spiaggia, nonostante mi stesse piacendo, quando lo presi in prestito dalla biblioteca. Conto di recuperarlo e finirlo in un altro momento

L'incolore Tazaki Tsukuru: sì, se non si fosse capito dal riassuntino precedente, Murakami mi piace. Non lo amo e non è il mio autore preferito, ma questo libro, preso nell'edizione inglese solo per la cover, mi attirava abbastanza da tempo :P

Uprooted di Naomi Novik: preso, come altre cose che vedete nella foto sopra, dopo aver letto i vari wrap up di Mariaste (mi ridurrai in bancarotta, sappilo!). Anche questo in inglese.

7 minuti dopo la mezzanotte di Patrick Ness

Milk and Honey di Rupi Kaur: nella foto non c'è per una mia dimenticanza ahahahah è un libro di poesie e mi ha fatto lo stesso effetto del film Ghibli Quando c'era Marnie: l'ho preso in mano, l'ho aperto e iniziato a piangere a fontanella per tutte o quasi le pagine. Non so spiegarne il motivo, me ne vergogno anche un po' ahahah questa mia reazione mi anche in difficoltà sul consigliarlo o meno. Non lo farò, per non crearvi aspettative. E' facile che infatti possa lasciare indifferenti, come anche essere adorato o detestato

Dear Ijeawele di Chimamanda Ngozi Adichie: preso in inglese, come anche Milk and Honey, e già letto.
Bello, bellissimo. Ho sentito tanto parlare di questa scrittrice e devo ammettere che tutte le lodi sperticate che riceve, sono assolutamente meritate.
In quest'opera, attraverso un'espediente originale, l'Adichie offre un'analisi lucidissima e puntuale sul femminismo e, nello specifico, su come crescere una bambina, un individuo anzi, femminista.
Perché sì, di femminismo abbiamo ancora bisogno e se ne deve parlare.
Un libro da antologia, da far leggere nelle scuole e a persone di tutte le età.

Il peso dei segreti di Aki Shimazaki

Fuguruma Memories di Kei Toume: volume unico manga. Penso di aver già parlato del mio feticismo per quest'autrice, per i suoi disegni e per le atmosfere che è in grado di creare nelle sue storie. Fuguruma Memories naturalmente non fa che confermare il mio ammmoore, anzi lo aumenta ulteriormente, un  po' perché interamente a colori e un po' per la trama molto particolare.
Mi è piaciuto tantissimo *-*

What a Wonderful World di Inio Asano: si vede solo il secondo volume, ma ho acquistato la serie completa :P non vedo l'ora di leggerlo ^^

One Pound Gospel di Rumiko Takahashi: già divorato! Divertentissimo, con personaggi simpatici e la giusta dose di romance. Della Takahashi ho sleggiucchiato in passato qualche volume di Rinne e di Lamù, ma devo dire di preferirla in questo tipo di storie.
Oddio, in Lamù la componente comica era al top, molto più efficace rispetto a Rinne, quindi come qualità si viaggiava forse su livelli superiori anche a OPG, nonostante l'assenza di una componente romantica più preponderante, che, come già detto, la Taka sa trattare super bene *-*

Il ballo di Irene Nemirovsky: racconto di una scrittrice, ho notato, molto apprezzata. Mi ha incuriosita su di lei (qualcuno ha detto Suite francese?) ma non fatta gridare al miracolo

The Wonderful Wizard of Oz: preso in inglese perché, se posso, preferisco leggere un'opera in lingua originale, senza dover passare attraverso il filtro della traduzione. Oltretutto ho notato che in UK e USA i libri costano molto, molto meno :P

L'uomo duplicato e Le Intermittenze della Morte di Jose Saramago

Marcovaldo di Italo Calvino: Calvino è un autore che apprezzo, ogni tanto sento il bisogno di leggere qualcosa di suo

La Fattoria degli animali di George Orwell: 1984 non mi è piaciuto. Scritto molto bene, realistico, tutto quello che volete, ma troppo crudele come storia, come finale. Non so, di solito preferisco storie con almeno un piiiiccolo barlume di speranza. Quest'opera invece non l'ho ancora letta, ma mi ispira di più.



venerdì 11 agosto 2017

Shounen book tag!

Premessa: non leggo tanti shounen.
Non ho pregiudizi, non fraintendetemi.
Semplicemente, nella maggior parte dei casi:
a) hanno troppi volumi
b) hanno troppi volumi e sono in corso
c) trovo combattimenti, sport ed effetti speciali vari meglio resi in animazione 


Anyway:

1.NERO- Uno shounen intenso, difficile da digerire
Zombie Loan delle Peach Pit.
Un po' per i temi che tratta e un po' per come li tratta. 
Intenso e malinconico, vorrei trovare il tempo di rileggerlo.
Secondo me è uno dei lavori migliori delle autrici, anche dal punto di vista della trama pura e semplice (oddio, "semplice" è tutto ciò che ZL non è)


2 CAFFE MACCHIATO- uno shounen superfamoso che però hai apprezzato















Direi Hunter x Hunter.

Ne seguivo appassionatamente l'anime e, appena Togashi si decide a concluderlo, conto di recuperarne anche il manga
Nomino pure Soul Eater e Black Cat, che invece ho iniziato e apprezzato e che voglio finire :'( 
(ce la farò. Forse, un giorno)
[Black Cat probabilmente non dovrei metterlo, visto che superfamoso non è,  tra l'altro]

3. CIOCCOLATA CALDA- Il tuo shounen preferito per bambini
Inazuma Eleven, anche se esclusivamente la serie originale (vade retro Inazuma Eleven GO!)
Adrenalinico, appassionante, con tantissimi personaggi a cui affezionarsi. Un mix ideale, per me.


Stesso discorso per Beyblade :p
E per Let's and Go **
Mi piaceva molto poi anche Blue Dragon!

4 ESPRESSO DOPPIO-uno shounen che ti ha tenuta incollata alle pagine volume dopo volume
Lamù/Urusei Yatsura *-*
Ricordo ancora la gioia che provai, anni e anni or sono, quando trovai in italiano le scan dei primi volumi e il brevissimo tempo che impiegai a farle fuori ahahahahah
Star Comics, a quando una riedizione?

Per quanto riguarda gli anime, invece, direi l'Attacco dei Giganti ;P

5 LATTE MACCHIATO- uno shounen lungo e pesante 
Naruto.
Da Pain in poi in alcuni punti è proprio illeggibile. E' stata una fatica portarlo a termine.

E poi Detective Conan.

6 STARBUCKS- uno shounen che vedi ovunque
Dragonball!


7 CAFFETTERIA HIPSTER-  consiglia uno shounen di un/una mangaka sconosciuto/a
Facciamo Yotsuba&




8 IL "SOLITO"- uno shounen che hai comprato sapendo che ti sarebbe piaciuto
Bugie d'aprile *-*
Avendone già visto l'anime, al momento dell'acquisto ero parecchio titubante. Temevo di  dover rileggere la stessissima storia due volte, senza però  colonna sonora e  colori stupendi.
A sopresa, invece, la versione cartacea si è rivelata secondo me superiore, molto più intensa e immediata!






9 OPS! HO RICEVUTO UN DECAFFEINATO PER SBAGLIO!- uno shounen da cui ti aspettavi di più
Ne nomino 4.
Il primo è Katsu! di Mitsuru Adachi, partito benissimo e con un'impostazione interessante e poi persosi tra situazioni un po' noiosette e personaggi lasciati praticamente a loro stessi  (Katsu femmina :'( )
Un vero peccato.

Il secondo è The World God Only Knows. Più che aspettarmi di più... non mi è piaciuto per niente ^^''
Di una banalità sconcertante, stereotipatissimo, con un protagonista saccente e insopportabile...

Il terzo è Video Girl Ai.
Questo l'ho invece realmente adorato per oltre metà serie, prima che l'indecisione e codardia di quello smidollato di Yota, il protagonista, mandassero tutto in vacca.
[Povera Moemi, a proposito!]

Infine, Death Note.
Carino fino a metà, poi da buttare.

10 LA MISCELA PERFETTA- lo shounen che rappresenta la perfezione (per te)
Rough di Adachi.
Adoro le storie malinconiche e poetiche e Adachi, quando vuole, è un maestro in questo.
Nonostante io preferisca Touch, trovo che Rough, tra le sue opere, sia la migliore in tal senso, oltre che la più equilibrata.
[invero all'appello mi manca Cross Game e qualche altra cosina, ma credo di averci preso, in ogni caso.]

Trovo inoltre Keisuke il miglior protagonista adachiano, il meno immaturo e scassa-gonadi.
Diciamo che seguire la sua crescita non mi ha fatto venire l'ulcera gastrica come con Tacchan (povera Minami, davvero!) e altri.

[Quanto detto per Rough vale naturalmente anche per le storie più malinconiche di Short Program]